L'energia fotovoltaica nelle zone rurali della Romania

L'energia fotovoltaica nelle zone rurali della Romania
Pubblicato da % autore%data

Ben esposte ai raggi solari, le comunità rurali situate nelle zone collinari e di campo possono utilizzare questa fonte di energia rinnovabile per il bene della comunità.
Dobbiamo ammettere che, anche se i campi fotovoltaici sono stati sviluppati in Romania negli ultimi anni, che inviano l'energia prodotta alla rete nazionale, e le comunità vicine, il cui paese è stato acquistato o affittato, ottenere nessun vantaggio da loro.

Gli scambi di know-how tra le autorità locali, le visite di studio ad altri paesi che sono più avanzati dal punto di vista dello sfruttamento delle energie rinnovabili, ha causato un cambiamento nella visione e idee innovative penetrarono nelle zone rurali meno privilegiate.

Realizzare il SEAP per il progetto "100% RES Communities" e trasformarlo in azioni concrete, per poi impostare gli obiettivi successivi.

Tre comunità tra i membri del gruppo "Bacau County per CoM" impegnata nella costruzione di piccoli impianti fotovoltaici per l'illuminazione stradale. Perché piccoli progetti? Per due motivi ben determinata:

  • è più facile ottenere finanziamento per i piccoli progetti con costi inferiori; ci sono molte comunità che conservano grandi progetti sotto chiave perché non riuscivano a trovare i finanziamenti, anche se sono stati approvati i progetti, e uno di questi esempi è la città di Slanic Moldova, che, qualche anno fa, ha consegnato in un grande progetto;
  • per verificare l'effettivo funzionamento di un tale sistema nelle condizioni locali, la sua efficienza e costi di manutenzione necessaria, la sua affidabilità nelle condizioni atmosferiche specifiche alla zona. Naturalmente il, studi di fattibilità confermato queste cose, ma a volte la realtà possono essere diverse.

Un'altra motivazione, non trascurabile, è la stimolazione dei proprietari e piccoli investitori locali di utilizzare tali sistemi che, dopo l'ammortamento degli investimenti, dovrebbe garantire una riduzione dei costi sulla bolletta elettrica.
Gli specialisti dicono che è auspicabile per i sistemi fotovoltaici da utilizzare in zone non elettrificate, per le case isolate o comunità che non sono collegati alla rete elettrica, tuttavia, il problema sono i costi e la competenza delle autorità locali come, in tale situazioni, i proprietari privati hanno per coprire le spese, essendo eventualmente supportati da alcuni programmi, come la Casa Verde.
Le tre comunità che hanno deciso di avviare un progetto del genere sono: Odobeşti, Horgesti e Ungureni. Il progetto è stato redatto dai consigli locali, in collaborazione con gli specialisti del settore.
Alla ricerca di una fonte accessibile di finanziamento, il programma nazionale per lo sviluppo rurale attraverso il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) è stato identificato come la fonte più affidabile.
Il valore complessivo dei programmi è 147 278 euro, di cui 117 516 euro non sono rimborsabili. Sono stati firmati i contratti di finanziamento in settembre 2014.