Il Patto dei Sindaci è adatto alle Comunità rurali? Report dal territorio

Il Patto dei Sindaci è adatto alle Comunità rurali? Report dal territorio
Pubblicato da % autore%data

I partner del progetto Territori 100% Rinnovabili hanno condotto un'indagine in 200 territori rurali coinvolti nel PdS. Ecco i risultati.

Indagine sul territorio

I Partner del progetto che coinvolge 10 paesi dell'UE hanno condotto un'indagine nei territori rurali coinvolgendo più di 200 persone tra Sindaci, pianificatori comunali e rappresentanti dell'agenzia di sviluppo locale nelle comunità rurali. Tale indagine è stata sviluppata attraverso la compilazione di questionari e interviste. 

Obiettivi

La scelta delle domande è stata basata su precisi obiettivi:  

  • individuare problemi in modo chiaro e sistematico;
  • inquadrare nella giusta prospettiva le difficoltà incontrate dalle Comunità Rurali nella partecipazione al Patto dei Sindaci;
  • proporre soluzioni e raccomandazioni al fine diffondere strumenti del PdS tra le zone rurali. 

RISULTATI: ' CI MANCA... TUTTO '

In termini generali, la ricerca ha restituito due elementi principali: da una parte tutti gli intervistati dimostrano un elevato impegno e consapevolezza del ruolo che le piccole comunità rurali giocano nel processo di attuazione della strategia europea al 2020;

Dall'altra parte, mostra una situazione di sofferenza derivanti da quattro elementi chiave: risorse tecniche, risorse finanziarie, risorse umane, comunicazione.
"La mancanza di" è la parola chiave che accompagna la storia e l'impegno dei comuni rurali di elaborare e attuare un SEAP.

  • La maggior parte dei Comuni può contare solo su una persona (prevalentemente part-time) per lavorare sulle questioni energetiche; questo stock minimo di risorse deve essere completata con collaborazioni di consulenti privati, agenzie energetiche e operatori territoriali
  • Si registra una limitata diffusione e uso di metodologie per produrre un'analisi delle emissioni di CO2, un elemento che crea un problema indiretto della mancanza di standardizzazione.
  • Un gran numero di Comuni ha meno di 5.000 euro a sostegno di iniziative per l’energia sostenibile (questo importo non include le iniziativa e le azione dell'PdS)
  • La politica promossa da PdS è fortemente caratterizzata da un linguaggio tecnico e burocratico, troppe informazioni, che spesso rappresentano un ostacolo per i lavoratori comunali.

CONCLUSIONI: TUTTI O NESSUNO

Oltre il 90% degli intervistati vedono il SEAP come la giusta e unica via per affrontare queste difficoltà.

Questo punto di vista può essere facilmente inteso come nel caso i cui i SEAP sono coordinati da un organismo sovralocale che porta con risorse umane e finanziarie

I Partner del progetto continueranno la loro campagna per dare voce alle comunità rurali e fornire agli aderenti al PdS nuovi imput, esperienze e idee per una migliore politica delle energia rinnovabile.