Nuovi obiettivi europei: per un chiaro posizionamento del Patto dei Sindaci

Nuovi obiettivi europei: per un chiaro posizionamento del Patto dei Sindaci
Pubblicato da % autore%data

Mentre 22 Comuni valloni hanno già aderito al Patto dei Sindaci e sviluppato il loro piano d'azione per l'energia sostenibile per ridurre le emissioni di CO2 del 20% entro il 2020, sono molti altri i Comuni che stanno lavorando sul proprio PAES. Come nel caso della  Positive Energy Territories composto da un gruppo di 16 Comuni della Provincia di Lussemburgo accompagnati nel loro lavoro dal servizio tecnico provinciale, attraverso PEPS-Lux, ovvero un gruppo di 10 Comuni della Picardy Wallonia accompagnato dalla loro agenzia per lo sviluppo economico, IDETA.

Il 2020 è domani!

La scadenza del 2020 si avvicina rapidamente, e per molte di queste città l'obiettivo di riduzione del 20% delle proprie emissioni in 5 anni è realistico.

Infatti, oltre alle azioni indirizzare alle struttere pubbliche, i Piani d'Azione sviluppati sono focalizzati principalmente sulla mobilitazione di tutte le parti interessate (agricoltori, cittadini, aziende, associazioni, ecc) al fine di sviluppare meccanismi di risparmio energetico e progetti di energia rinnovabile.

Quando alcuni di loro possono contare su una rete di associazioni e aziende già attive nel settore e pronti a sostenere il processo di transizione energetica, altri dovranno iniziare da zero, impiegando molto del loro tempo nel coinvolgimento di tutte le parti interessate.

Inoltre, per molti Comuni, numerosi progetti potranno essere sviluppati solo se si sarà capaci di coinvolgere il territorio, attraverso un provesso graduale di partecipazione. 

Senza dimentica il ruolo delle elezioni Comunali del Belgio che ci saranno nel 2018 e che potrebbero rallentare tale processo. 

Nuovi obiettivi europei!

Il 23 ottobre 2015, la Commissione Europea ha adottato un nuovo pacchetto di 4 obiettivi sul clima e l'energia da raggiungere entro il 20130:

  • Taglio delle emissioni di gas serra, del 40% rispetto ai livelli del 1990,
  • Copertura del 27% dei consumi finali europei attraverso energia rinnovabile
  • Raggiungimento del 27% di efficienza energetica (che potrebbe passare al 30%, dopo rivalutazione nel 2020)
  • Raggiungere almeno il 10% della capacità di interconnessione tra Stati Membri. Da rivalutare al 2020, con probabile aumento al 15%

Sembra evidente che il Patto dei Sindaci deve essere in linea con questi obiettivi e potrebbe semplificare l'iter invitando i Comuni aderenti a fissare un obiettivo di riduzione delle emissioni del territorio del 40% entro il 2030. 

Una visione 100% rinnovabili al 2050

Nelle prossime settimane, i Comuni e i Coordinatori Territoriali della Vallonia saranno invitati dalla Regione ad aderire alla rete belga TEPOS. I Territori 100% Rinnovabili avranno l'obiettivo di ridurre il loro fabbisogno energetico al massimo, attraverso sobrietà ed efficienza energetica, e coprire il resto da fonti rinnovabili locali ("100% rinnovabili e più").

Gli aderenti alla Rete considereranno gli obietti al 2020 e al 2030 solo come tappe intermedie. 

Una maggiore flessibilità per promuovere l'impegno delle nostre Comunità!

Al fine di consentire ad un numero maggiori di Comuni di aderire e partecipare alla transizione energetica attraverso lo strumento del Patto dei Sindaci, si propone che i Comuni che desiderano unirsi nei prossimi anni possano scegliere l'orizzonte temporale sulla quale basare la propria strategia.

Quindi, i Comuni che hanno già avviato la transizione energetica con obiettivi al 2020, potranno modificare il proprio orizzonte cogliendo questa opportunità di cambiamento, mentre quelli che stanno pensando di aderire avranno un orizzonte più ampio davanti e l'opportunità di pianificare meglio la loro strategia energetica.